CLICCAMUSEO

The Bilingual WebZine of ART and CULTURE – Il Webzine dell'ARTE e della CULTURA

Posted by angela On May - 9 - 2012 4 Comments

E’ curioso pensare che in un paese come gli Stati Uniti, dove il successo personale si definisce con l’indipendenza dell’individuo adulto dalla famiglia, dal marito, dalla moglie, dai genitori e dai figli, s’inventino poi, devices come Siri: il controllo vocale intelligente dell’Iphone 4.  Sarà anche intelligente come dicono, ma è pur sempre un controllo, o no?  Questa nagging voice incorporata nell’i-phone, come una mamma assillante, sta sempre dietro a chi la adotta. Gli rammenta quello che deve fare: “Ricordati di prendere il vestito quando esci dal lavoro”; quello che deve ricordare: “Devi chiamare tuo padre, oggi è il suo compleanno”; e chi deve incontrare: “ OK, ti fisso un appuntamento con il dentista.”  Inoltre, come la più invadente delle mogli dà pure i suoi consigli:  “Portati gli occhiali, il clima a Miami sarà soleggiato.”  Questi sono solo gli esempi della pubblicità on line, ma Siri potrebbe interferire con la vita quotidiana in mille altri modi, se glielo concedeste.

 

A questo punto, la domanda viene spontanea: “Perché la società americana riesce ad accettare da Siri e dal consumismo quello che non accetterebbe mai dalle persone vere?”  Io qualche suggerimento culturale ce l’avrei, ma aspetto le vostre risposte che sono sempre inspiring , e poi controbatto. Per ora sappiate solo che per quanto mi riguarda, Siri è come una nagging mother : fa comodo, ma è insopportabile.

 

Text by Angela Migliorati Novek ©2012 – all rights reserved

Grazie al Signor Marco Pratellesi di VanityFair per avermi dato l’idea di questo post.

4 Responses

  1. Bayli says:

    I’m American and I don’t have an iPhone, shocking, but true!

    However, I still think I have an idea of why so many Americans have become dependent on devices such as Siri. In this generation of technology, people have gotten to the point where we are unable to do things without the use of technology. Accidently leaving your phone or computer at home can make one feel “naked” or lost. We are using technology to replace our face-to-face interactions with peers, friends and family.

    I think Siri has become so popular because it allows people to fill the void left by non-existent relationships that were replaced by technology. Maybe if people can talk and have somewhat “intelligible” conversations with their iPhones, they feel more “connected” with their phones.

    I think that this is going to have an adverse reaction on the American people. True, Siri can be a very useful tool in some situations, but I don’t want people to use the device to replace their relationships with their own mothers!

  2. nanette says:

    riflettendo ulteriormente sull’argomento, ho pensato che
    più qualcuno/qualcosa pensa per noi e meno useremo i nostri
    cervellini per pensare da individui liberi.

    abituati a farci suggerire le piccole incombenze della vita qquotidiano, non ci accorgeremo più, ed accetteremo passivamente, qualsiasi imposizione che ci arriva in ‘GUANTO DI VELLUTO FORMATO PUBBLICITA”….

    O NO?

  3. nanette says:

    …e se fosse perchè rapportarsi con una ‘mamma rompiscatole’ virtuale
    è meno impegnativo di un rapporto reale?

    forse è saggio rifletterci su…..

Leave a Reply

You can add images to your comment by clicking here.

Foto del giorno

Featured Posts

Why do Italians give the Mimos

  International Women's Day is on the 8th of March and it celebrates the commemoration of ...

Il Mio Diario CINESE: NUOVO PO

  In this post, please pay attention to adjectvives because as u know, in Italian ...

Una Vita in VACANZA

This content is password protected. To view it please enter your password below: Password:

Nuovo Post del mio Diario Ital

Buon giorno! Tutto bene in Italia? Mi dite cosa è successo in questi giorni? Vorrei ...

Post 26 Gennaio 2018 (Tiramis

Per favore Rispondete a Sara. Here is Sara's question (+ her possible answer): Abito negli USA da ...